Qualcomm Cerberus Lazaridis Freign insieme per BlackBerry

Arriva da una fonte attendibile e di peso la notizia che Cerberus Capital Management e Qualcomm starebbero valutando la possibilità di unire forze e capitali insieme a Mike Lazaridis per l’acquisto di BlackBerry Ltd. A pubblicarlo è il Wall Street Journal che cita come fonti persone vicine all’intera vicenda.

Cerberus starebbe discutendo una possibile offerta congiunta per BlackBerry Ltd assieme ai co-fondatori Mike Lazaridis e Doug Fregin, che facevano già parte della una squadra storica dalla quale è nata la progenitrice Research in Motion nel lontano 1984. A questo gruppo folto potrebbe unirsi anche Qualcomm Inc., noto produttore di chip per smartphone, alle quale farebbe gola soprattutto i numerosi brevetti appartenenti all’azienda canadese.

Le manovre tra i possibili offerenti arriva alla vigilia della scadenza fissata per oggi 4 novembre come termine ultimo per le offerte di buyout. La società canadese e suoi consulenti hanno infatti scelto questa data che cade in concomitanza con il giorno in cui Fairfax Financial Holdings Ltd deve formalizzare l’offerta preliminare per l’acquisto di BlackBerry a 9 dollari per azione. Fairfax, possiede già il 10% di BlackBerry quota ed è guidata dall’ ex direttore della società Prem Watsa.

La cooperazione tra Cerberus e i co-fondatori, oltre a Qualcomm, potrebbe essere reciprocamente vantaggioso, in quanto darebbe ai co-fondatori capitale fresco e aggiuntivo per un’offerta concorrenziale, e dare a Cerberus e Qualcomm una grossa riserva di tecnologia legata alla piattaforma BlackBerry. Lazaridis e Fregin uscirebbero quindi allo scoperto per poter formalizzare una chiara offerta che li permetterebbero di tornare al comando dell’azienda da loro fondata (assieme a Balsillie) e di cui possiedono circa l’8%.

I mercati si sono dimostrati scettici sia sul possibile accordo tra Cerberus, Lazaridis & Co. e Qualcomm, ma anche sulla formalizzazione di Fairfax, registrando un ulteriore ribasso delle azioni nella giornata di venerdì toccando quota 7,75 dollari presso il Nasdaq di New York.

Le azioni BlackBerry nonostante l'annuncio di Cerberus, Qualcomm e Lazaridis